Vai nel negozio on line Vieni a conoscermi La sezione del Decoupage Vai nel negozio on line Sezione libri Hobby femminili e non solo Lo spazio per per parlare di tutto Le utilita' del sito Risorse gratuite da scaricare


Entra nella sezione dedicata all'Oroscopo

Entra nella sezione Animali

Entra nel Forum di Decocreazioni!

Scrivimi! Progetto Web by
Shamanta Carenti


*****
Sito on line dal
19/05/2020

*****
Risoluzione
800x600

*****

LE IGUANA


L'Iguana dei Tubercoli, comunemente chiamata "iguana verde arboricola", e' un sauro molto comune in Messico, centro America e la parte settentrionale del sud America. L’Iguana appartiene all’ordine dei Sauri, famiglia Iguanidae, sottofamiglia Iguaninae. L’area di distribuzione comprende le foreste caldo-umide della fascia geografica che va dal Messico al Brasile. L’iguana è sotto la protezione della II° appendice della convenzione di Washington, per questo deve essere sempre accompagnata dal certificato CITES. Da anni ormai vengono allevati anche nel resto del mondo, rendendoli animali domestici. Da piccoli ovviamente non si presume, ma dovete sapere che crescendo raggiungono grandi dimensioni, infatti ci sono individui che raggiungono 1,5 metri di lunghezza e i 7 chili di peso! Ovviamente non e' un animale che puo' girare libero per casa, se non per pochi minuti, e tenendo conto delle dimensioni a cui arriva ha bisogno di un terrario adeguato, con grandi spazi, di cui dopo vi parlero'.

Le cose fondamentali per crescere bene un'iguana anche in casa (in cattivita') sono quattro, ma tutte essenziali per la sua salute: un giusto terrario, il riscaldamento, la luce ed ovviamente l'alimentazione.

Le iguane richiedono terrari sviluppati in altezza essendo rettili arboricoli, infatti preferiscono trascorrere la maggior parte del loro tempo il piu' in alto possibile dal suolo. Per creare un ambiente idoneo all'interno del terrario bisogna inserire un "fondo", io nel mio ho messo come strato di fondo un tappeto di erba sintetica (lo vendono al metro in ferramente), che dato il colore dona un aspetto molto "natura", e' comodo anche da pulire, si lava tranquillamente con il vapore ed asciuga in breve tempo. Questo e' una cosa importante, la pulizia, da farsi almeno ogni due giorni, infatti sono rettili che sporcono molto (avete capito cosa intendo vero?!?). A volte sporcano anche le pareti del terrario con degli starnuti, per eliminare il sale. Per farla giocare e divertire ho inserito nel terrario dei rami d'albero, scegliendo quelli piu' "argigogolati" se capite quello che voglio dire, sono rami che si intrecciano e le passa da uno all'altro, cosi si mantiene anche in forma! Prima di mettere i rami nel terrario e' importante disinfettarli a dovere, magari lavandoli con della candeggina.

In commercio non e' facile, anzi e' impossibile trovare terrari cosi' grandi da poter ospitare una iguana adulta, quindi l'unica soluzione e' costruirlo da se. Quello l'iguana e' piccola, diciamo sino all'eta' di un anno va bene anche un acquario, di idonee dimensioni, adattato a terrario

Essendo animali che provengono da zone molto calde per farle vivere bene anche qui da noi e' fondamentale garantirle il riscaldamento del terrario, infatti devono costantemente avere una certa temperatura all'interno del terrario, non potendo, come quasi tutti i rettili, regolarsi da se' la propia temperatura corporea. E' importante quindi creare nel terrario zone piu' calde e zone piu' fresche in modo tale che l' iguana possa regolare la temperatura corporea spostandosi da una zona all'altra, come accade in natura.

Normalmente bisogna attrezzare la zona calda a circa 35-38° e la zona piu' fresca a 25-27 °C. Di notte e' comprensibile un abbassamento della temperatura, anche perche' per non infastidire il sonno del nostro draghetto dovremmo spegnere qualche luce, ma non bisogna mai andare al di sotto dei 21-24 °C. Per il riscaldamento esistono diversi sistemi in commercio, dalle piastre o cavetti riscaldanti da mettersi sotto il fondo alle lampade spot o in vetroceramica o ad infrarossi. Io uso un cavetto disposto per tutta la superfice del terrario per dare una temperatura costante in tutte le zone, anche di notte, mentre per darle la zona piu' calda ho sistemato nell'angolo superiore una lampada a infrarosi da 150W, adeguatamente protetta da una retina metallica, per evitare che l'iguana si possa ustionare. In natura sono abitute a prendere il calore maggiore dal sole, dall'altro, quindi il sistema della lampada e' a loro piu' congeniale, a patto che siano ben protette dalle bruciature. Tra l'altro questo tipo di lampada puo' essere lasciata accesa anche di notte perche' la sua illuminazione non infastidisce il sonno delle iguana. Sul coperchio del terrario, dall'interno, ho posizionato un neon (lo vendono nei negozi di animali) che le garantisce il giusto apporto di raggi UVB, come quelli del sole, fondamentali per produrre vitamina D3, la vitamina calcio fissatrice. Senza questa vitamina anche se la dieta dara' al nostro iguana il giusto apporto di calcio, lei non sara' in grado di metabolizzarlo. Questa vitamina fissa il calcio sulle ossa e le garantisce la vita. Infatti in estate e nei periodi piu' caldi e' sempre consigliabile portarla a fare un bel "bagno di sole" sul terrazzo, almeno per un'oretta al giorno, magari usando le voliere per uccelli.
La luce a spettro completo (il neon UVB) e' acceso per circa 12 ore al giorno ed e' importante, per ricevere i raggi affinche svolgano il loro compito, che sia posizionato a non piu' di 20 - 25 cm. dal rettile. Il neon va cambiato ogni 6 mesi perche' perde le sue caratteristiche.

Le iguane sono completamente erbivore, mangiano solo vegetali sin dalla nascita e non hanno bisogno di nessuna proteina animale. La dieta ideale e' composta da verdure ricche di calcio, frutta, ortaggi e fiori.
I rettili erbivori richiedono un rapporto calcio-fosforo di 2:1.

Una dieta equilibrata dovrebbe essere composta cosi':
- 70/80% di verdure ricche di calcio (invidia, radicchio, fiori di gelso e ibisco).
- 20/30% di vegetali grattugiati come carote , zucchine, fichi d'india (senza spine)
- 10% di frutta varia di stagione e fiori (fragole, more, mango, papaia, kiwi, melone, mela, pera ecc.)

Da evitare o da somministrare in piccole dosi lattuga, spinaci, broccoli, cavoli di bruxelles, cavoli, cavolfiori e cavoli ricci.

Bisogna fare attenzione perche' molti fiori sono tossici per le iguane, quindi non bisogna somministrali (azalea, canapa indina, ciclamino, dalia, garofano, gelsomino, giacinto, tulipano, narciso, oleandro, stella di natale) ma anche la patata ed il rosmarino sono per loro molto dannosi.
Amano molto le banane ma questo frutto non ha un rapporto calcio-fosforo ideale, quindi bisogna dargliele giusto ogni tanto, per farla contenta.
Io insieme alle verdure nella ciotola metto anche un cibo preconfezionato con supplemento di calcio (in vendita nei negozi di animali). Le iguane piccole vanno nutrite tutti i giorni mentre le adulte a giorni alterni.

L'acqua, messa in una ciotola nella zona piu' fresca del terrario e' molto importante. Io non ho mai visto bere la mia Magilla, ma mi hanno detto che e' normale cosi, di solito loro leccano l'acqua direttamente dal terrario (dalle pareti). Infatti e' buona norma spruzzare con dell'acqua tiepida tutto il terrario (con l'iguana dentro) almeno due/tre volte al giorno. Per loro e' fondamentale avere un alto tasso di umidita' nell'aria e per agevolare possiamo appunto spruzzare l'acqua. E' fondamentale avere un igrometro per misurare il tasso di umidita' ed almeno due termometri, uno per la zona calda ed uno per la zona fredda. Questi strumenti ci serviranno per renderci conto se le temperature e l'umidita' del terrario sono giuste o se dobbiamo intervenire.

Adesso veniamo al carattere... allora, istintivamente le iguana sono un po' restie al contatto umano, sono antisociali, spesso non docili, si difendono con secche frustate con la coda e con le loro unghie ben appuntite. In realita' crescendo il carattere diviene piu' mansueto, si abitua al contatto con il proprio padrone. La mia Iguana adora essere coccolata, quando apriamo il terrario lei viene vicino all'apertura, si mette su un ramo, stesa ed immobile, solleva la testa e chiude gli occhi: e' il suo modo di dire "mi coccoli?" . E quando la coccoliamo, con delle ampie carezze, si vede che le piace!!! Vederla li, nel suo terrario, beata quando si addormenta, e mentre mangia... e' bellissima, di un verde squillante, sembra uno smeraldo!

Comunque, concludo, e' un animale impegnativo, bello, ma che richiede tante attenzioni e cure particolari. Ho visto in internet foto di iguane morte per vari motivi, il piu' delle volte proprio perche' non si conoscono le loro vere esigenze... non e' stato un bello spettacolo. E poi devo dire che non e' inusuale sentir dire, voci di corridoio, che si abbandonano le iguana quando crescono, proprio perche', come dicevo all'inizio, la si vede piccola e non si pensa alle dimensioni che avra' da grande, ma sappiate che lo diventera', grande davvero, lunga sino a due metri!

Quindi mi sento in dovere di dare un solo consiglio: se siete sicuri di poterla curare come necessita, con spese di corrente elettrica e sacrificio di spazi che ne conseguono, ok, allora va bene. Ma se volete solo vantarvi di avere un'iguana, se lo volete solo per mostrarlo agli amici, allora no, lasciate perdere, e' un animale che non ama neanche la compagnia.  

Clicca qui!

 

Entra nel negozio

Guarda il libro

Il volume è una pratica guida tascabile per il riconoscimento di tutte le specie di anfibi e rettili d'Italia e d'Europa. 77 specie di anfibi, 112 specie di rettili e le principali sottospecie. Oltre 200 illustrazioni a colori. Cartine aggiornate sulla distribuzione. Approfondimenti riguardanti gli anfibi e i rettili presenti in Italia con note sull'ecologia, il comportamento, la riproduzione. Chiavi dicotomiche per una veloce individuazione della specie. Un'accurata simbologia fornisce informazioni sulle dimensioni, le abitudini, il periodo di attività, le modalità dell'accoppiamento, la distribuzione altitudinale e le abitudini alimentari.

LA MIA STORIA

I MERCATINI